stampa
Siamo tutti ben consapevoli che oggigiorno per essere informati e all’avanguardia, è fondamentale una continua formazione e uno scambio di esperienze con altri colleghi, in un’ottica serena di reciproco arricchimento. Uno di questi argomenti d’aggiornamento è senz’altro “la prevenzione”, intesa come uno stile di vita, un modo di pensare, di agire, che ci dona benessere.

Il tema della prevenzione ben si collega alla nostra dieta mediterranea, una dieta capace di apportare una nutrizione equilibrata. Abbiamo soprattutto il dovere di educare i nostri figli a vivere in modo sano, sia attraverso il gioco e la fantasia che anche a mangiare e nutrirsi correttamente a tavola.


L’educazione a un’alimentazione sana inizia in famiglia
e prosegue con l’aiuto dei professionisti che si occupano di nutrizione,
dai medici ai dietologi, fino a tutti i cuochi,
i quali dovrebbero collaborare per consolidare le regole del buon vivere.


Una formazione di questo tipo dovrebbe essere avviata sin da piccolissimi, come avviene in diversi casi iniziando dalla scuola dell’infanzia e poi continuare attraverso il percorso scolastico successivo, in modo continuo, come parte integrante di un programma ministeriale.


Il cuoco è un personaggio fondamentale in questo,
poiché è l’artista che trasferisce nei suoi piatti la bontà e la genuinità delle sue ricette
regolando la quantità e scegliendo la qualità delle materie prime.


Non è raro che i grandi cuochi, gli esperti gastronomici, gli insegnanti di cucina, si mettano a disposizione con il compito di insegnare l’importanza del cibo, di quello genuino, della tradizione, della nostra terra, trasmettendo amore nella preparazione di una ricetta. Tutto questo dovrebbe secondo noi essere ampliato e sviluppato in modo ancora più approfondito e divulgato attraverso i mass media e ogni altro canale moderno di comunicazione. Far conoscere le materie prime dalla loro origine, quindi gli ingredienti e il loro corretto utilizzo è importantissimo per tramandare un patrimonio di conoscenze necessarie alle nuove generazioni.

Lasciamoci andare alla riscoperta dei sapori della tradizione, assaporando emozioni, semplicità e ricordi di un tempo non troppo lontano, valori che sono alla base di un piatto che all’apparenza sembra semplice, ma in realtà ha una sua grande storia. La strada corretta per proseguire questo lavoro di prevenzione è essere informati e consapevoli per poter trasmettere con chiarezza queste conoscenze alle generazioni presenti e future, nonché stimolare le persone competenti a svolgere campagne formative su questi importanti tematiche che interessano noi tutti.

Educare all’alimentazione significa prevenire
Vota questo post

Condividi