Scorri articoli per

chefmagazine

Ostriche croccanti con verdure e maionese al limone

Ostriche croccanti con verdure sottaceto e maionese al limone

Ricette e Sapori Di 20 giugno 2018 Tags:, , , Nessun commento

Le ostriche panate e fritte sono un ottimo finger food sfizioso per i vostri ospiti

Oggi prepariamo un finger food gustosissimo speciale per dei party estivi e molte occasioni di ritrovo tra amici.Queste delizie spesso si preferiscono ai piatti tradizionali e li serviremo con delle piccole forchette.
Avendo una certa inventiva continueremo a stupire i nostri ospiti e contribuire al loro divertimento.

Ingredienti per 4 persone:

Per preparare le ostriche                                              

  • 16 ostriche
  • 100 g di farina grano tenero
  • 1 uovo sbattuto
  • 100 g di farina di panko
  • 1/2 l. di olio di girasole
  • 1 limone di Sicilia
  • fior di sale

Per le verdure sottaceto

  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 2 scalogni
  • 1 peperone rosso
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 peperoncino rosso piccante.. non troppo)

Per la marinata sottaceto

  • 85 ml di aceto di vino bianco
  • 90 ml di vino bianco
  • 80 ml di acqua
  • 70 g di zucchero di canna
  • sale

Per la maionese al limone

  • 3 tuorli d’uovo
  • 20 g. senape inglese
  • 1 cucchiaino di aceto di vino bianco
  • un limone
  • una arancia
  • uno spicchio d’aglio
  • 350 ml di olio di oliva
  • sale

Metodo

Per preparare il sottaceto peliamo le verdure e le tagliamo molto sottili a coltello nel senso della lunghezza. Le facciamo insaporire nella terrina con la marinata sottaceto. Copriamo con della pellicola per far si che tutte le verdure siano immerse e lasciamole riposare per una notte in frigorifero.


Prepariamo la maionese al limone

  1. Per cominciare peliamo la scorzette di limone e arancia e tritiamola finemente con l’aglio privato della parte verde interna
  2. Mettiamo nel mixer i tuorli d’uovo, con la senape, il vino bianco e le scorzette di agrumi e frulliamo per un minuto
  3. Aggiungiamo lentamente l’olio di semi facendo montare bene la maionese
  4. Regoliamo di sale, mescoliamo e lasciamo riposare in frigo fino al momento di servirla
  5. Come risultato otterremo una salsa cremosa, delicata  e profumata

Prepariamo le ostriche croccanti

  1. Mettiamo in tre diverse terrine una a fianco dell’altra, la farina di grano tenero, le uova e la farina di panko o pangrattato giapponese
  2. Di seguito passiamole nella farina, nell’uovo e infine nel panko
  3. Poi mettiamo le ostriche preparate in ordine su un vassoio pronte per cuocerle
  4. Intanto scaldiamo l’olio nella friggitrice o nel wok a 180°C
  5. Quando l’olio sarà pronto friggiamo le nostre belle ostriche per circa un minuto fino a che diventano croccanti e dorate
  6. In conclusione sgoccioliamole su della carta paglia per far assorbire l’olio in eccesso
  7. Come risultato avremo delle ostriche croccanti e dorate da comporre per la presentazione

Sgoccioliamo le verdure sottaceto e mettiamone un po’ sopra ogni guscio appoggiandoci sopra un’ostrica croccante fritta con a lato un cucchiaino della  maionese al limone.

Eccovi i prodotti dell’Iceberg scelti

In conclusione eccovi i prodotti utilizzati. Probabilmente li conoscete o li avete già provati in altre ricette della vostra cucina.

  1. Ostriche concave francesi (Crassostrea Gigas).
  2. Farina di panko. La particolarità del panko è che è molto più leggero rispetto al nostro pangrattato dal momento che per prepararlo si utilizza del pane bianco molto morbido.La croccantezza è dovuta al fatto che il panko in sostanza non frigge come accade al pangrattato classico ma si “gonfia” e ingloba aria la quale fa scivolare via i grassi in frittura ed evita che la verdura, la carne e il pesce si impregnino di olio.
Ostriche croccanti con verdure sottaceto e maionese al limone
Vota questo post

Condividi
Roast-beef con asparagi e parmigiano

Roastbeef con asparagi e Parmigiano

Ricette e Sapori Di 30 aprile 2018 Tags:, , , , Nessun commento

Oggi per noi è una bella giornata di festa e per questa occasione abbiamo preparato un antipasto raffinato composto con ingredienti genuini e delicati: l’asparago bianco, il parmigiano reggiano e il roast-beef cotto all’inglese servito su della rucola fresca con un filo di riduzione all’aceto balsamico e con la salsa olandese.

Roastbeef con asparagi e Parmigiano
Vota questo post

Condividi
Asparagi-bianchi-di-Cimadolmo-blog

Mostra dell’asparago bianco: “il re di Cimadolmo arriva alla 43ma edizione”

Curiosità culinarie, Terra e Mare Di 27 aprile 2018 Tags:, , , , Nessun commento

Anche quest’anno a Cimadolmo, cittadina della Provincia di Treviso che si estende lungo la riva sinistra del Piave continua la festa dell’Asparago bianco I.g.p. dal 26 aprile al 6 Maggio con la 43ma edizione. Questo evento gastronomico si rinnova ogni anno con un programma interessante e ricco di iniziative per i visitatori.

Mostra dell’asparago bianco: “il re di Cimadolmo arriva alla 43ma edizione”
4 (80%) 1 vote

Condividi
Paccheri al pomodoro mozzarella e basilico

Che c’è di nuovo? Paccheri pomodoro mozzarella e basilico

Novità Di 16 aprile 2018 Tags:, , , , , Nessun commento

I paccheri dello chef ripieni panati

Oggi vi presentiamo una novità sfiziosa da portare in tavola: i Paccheri al pomodoro mozzarella e basilico. Questo prodotto di facile realizzazione sembra stia dando solo segnali positivi tra gli assaggiatori. Sono sfiziosi e stuzzicanti perchè realizzati con ingredienti selezionati e arricchiti da una raffinata panatura. Bastano pochi minuti in forno per portare in tavola una specialità da gourmet.

I paccheri si possono preparare velocemente in forno posizionandoli ancora surgelati su una teglia e cuocere in forno caldo a 200°C per 8-9 minuti.

Specialmente rilevante è scongelare prima per ottenere una migliore risultato e cuocere in forno caldo a 200°C per 2-3 minuti. Sicuramente riuscirete a servire in modo facile e veloce diversi snack preparando la vostra linea di prodotti scongelati in frigo. Di conseguenza risparmierete anche energia in cottura  e servirete in pochi minuti delle bontà croccanti e profumate!

Che c’è di nuovo? Paccheri pomodoro mozzarella e basilico
5 (100%) 1 vote

Condividi
Reverse searing sul barbecue

Reverse searing per la cottura perfetta della carne

Curiosità culinarie Di 13 aprile 2018 Tags:, , , , Nessun commento

Ecco l’ultima novità per cucinare una costata di manzo perfetta. E’ facile imparare a cucinare con il metodo Reverse Sear e stupire con una qualità eccellente.

Avete già sentito parlare della cottura reverse searing? E’ praticamente quello che stanno facendo tutti i ragazzi svegli per perfezionare il risultato in cottura della carne.

Tradizionalmente un metodo usato nella ristorazione è quello di cuocere la carne ad alte temperature, per trasferire il filetto, la costata o la bistecca di roastbeef in forno a completare la cottura ad una temperatura più gentile fino al punto ottimale.

Reverse searing per la cottura perfetta della carne
5 (100%) 1 vote

Condividi
Interviewing Nobu's Chef

Master Class – Black Code Miso

Curiosità culinarie Di 1 marzo 2018 Tags:, , Nessun commento

In questo post vi proponiamo un breve video della ricetta originale “Black Code miso” (Carbonaro d’Alaska con miso), inventata dal famoso Chef Nobu.

Per facilitare la comprensione dell’audio potete attivare i sottotitoli cliccando l’apposito bottone “Sottotitoli” presente sulla barra del player di YouTube.

La ricetta di Nobu è l’evoluzione moderna di un’antica ricetta giapponese chiamata kasuzuke in cui i pesci e le verdure venivano marinati nei lieviti avanzati dalla produzione del sake prima di essere cotti alla griglia. Si ottiene un pesce cotto a regola d’arte, gustoso, morbido e croccante in superficie. Veloce da preparare e perfetto per incontrare il gusto anche di una miriade di persone amanti del pesce. A quel tempo il Carbonaro era economico in America ma quando si diffuse come moda in tutto il mondo, fuori e dentro i ristoranti giapponesi, il prezzo era lievitato, consacrandolo definitivamente ad ingrediente dell’alta ristorazione.

Buona visione e buon lavoro.

 

Master Class – Black Code Miso
Vota questo post

Condividi
cutting-master-class

Come sfilettare il carbonaro d’Alaska alla perfezione

Curiosità culinarie Di 28 febbraio 2018 Tags:, , , Nessun commento

Vi presentiamo una interessante dimostrazione di come sfilettare velocemente un “black code” o carbonaro d’Alaska.

Da qui sarà semplice ricavare delle porzioni in diagonale da cucinare a piacere.

Grazie per la visione e buona continuazione!

Come sfilettare il carbonaro d’Alaska alla perfezione
5 (100%) 1 vote

Condividi
Carbonaro d'Alaska foto subacquea

Conoscete il Carbonaro d’Alaska o pesce burro?

Curiosità culinarie, Terra e Mare Di 22 febbraio 2018 Tags:, , , , , Nessun commento

Una delle specie più preziose e preservate del pianeta è il pesce Carbonaro dell’Alaska.

 

In Alaska la pesca è la risorsa primaria ed è considerata in modo molto serio dallo Stato. Infatti la pesca e la sostenibilità ambientale sono regolate sin dal 1959 nella Costituzione che prevede questa regola base: “i pesci e tutta la fauna ittica dovranno essere utilizzati, sviluppati e conservati secondo i principi dell’eco-sostenibilità”.

Conoscete il Carbonaro d’Alaska o pesce burro?
5 (100%) 1 vote

Condividi