stampa

L’orata è conosciuta come la regina del mare

L’orata è uno tra i pesci più belli da vedere per i suoi colori e la sua linea stupenda. Chi ha passione per la cucina di mare conosce la prelibatezza delle sue carni. Portare in tavola l’orata significa servire un piatto elegante e sicuramente fare bella figura con i nostri ospiti. Buonissima alla griglia o al forno con patate e olive taggiasche.
L’orata è ricercata anche dagli appassionati di cucina, pesca, apnea e fotografia.  Si può avere il piacere di incontrarla sott’acqua specialmente nel pieno della stagione estiva. Quando si sta molto calmi e fermi sott’acqua l’orata si avvicina spinta dalla sua curiosità fino a nuotare intorno a noi. Eccola che  nuota maestosa e si mostra come una regina permettendoci di fotografarla. Ogni apneista prima di un immersione è carico di aspettative, fantasie dove sogna incontri immaginari e gloriosi. Anche a me è capitato qualche volta di vederne di stupende ed essere affascinato dalla loro eleganza in mare.

Curiosità di biologia marina

L’orata è un pesce osseo di mare che vive in acque salmastre appartenente alla famiglia degli sparidi. L’orata ha il corpo ovale e una testa robusta con una banda dorata tra gli occhi. Orata deriva appunto dalla fascia color oro che unisce gli occhi, infatti una banda nera e una dorata sono interposte tra gli occhi appunto.

Ha una macchia nera evidente dietro l’occhio e una macchia rossa arancio più o meno evidente vicino alla pinna pettorale, il resto del corpo è argenteo negli adulti mentre nei giovani il dorso è grigio-beige. Se si inclina la colorazione assume dei riflessi rosei in più parti della livrea.

Orate-scogliera-blog

Orate sulla scogliera

Carnivora e vorace, si nutre di molluschi e crostacei utilizzando i denti e il palato osseo molto sviluppati per rompere gusci e corazze. Fa parte del gruppo dei grufolatori, quei pesci che spingono il cibo con il muso per cercarlo nella sabbia e in ambiente scogliero per mangiarlo.

Le orate sono ermafrodite e tutti gli esemplari nascono maschi fino all’età di circa 2 anni, poi raggiunti i 30 cm circa di lunghezza diventano femmine. Raggiunge una lunghezza massima di 70 cm. circa e un peso oltre i 10 kg in esemplari di circa 20 anni.
La si incontra su ogni tipo di fondale e in particolare nella linea tra la sabbia e le rocce dove di rifugia.  Normalmente è molto schiva, ma se si è già abituata ai sub si lascia avvicinare. La riproduzione avviene tra Ottobre e Dicembre con piu cicli di ovodeposizione.

L’orata nella nostra nutrizione

A livello nutrizionale, il pesce è ricco di molte vitamine, proteine e soprattutto di sali minerali quali calcio, fosforo, magnesio, iodio; è ricca di omega 3, acidi grassi che aiutano a mantenere le nostre cellule in buona salute. L’orata si può cuocere in tutti i modi. Lo sapevate questo..? Al fine di preservare i valori nutritivi i nutrizionisti raccomandano la preparazione alla griglia in particolare facendo attenzione a cuocerla correttamente. Meglio evitare la frittura con la quale si perdono gli acidi grassi sani molto importanti per la nostra nutrizione.

P.S.
Il mare ci regala grandi emozioni e ci permette di coltivare le nostre passioni.
Ricordiamoci sempre di averne profondo rispetto.
David Cirigliano
L’eleganza dell’orata
4.4 (87.5%) 8 votes

Condividi