stampa

Una carne tenerissima e saporita

Pasqua è alle porte e la tradizione vuole che a tavola si condivida un piatto gustoso e tipico: il capretto al forno.
Preparare il capretto o l’agnello per Pasqua ha un significato religioso e di festa legato a riti millenari, perciò è sempre un’ottima scelta inserirlo in un menù pasquale.
Desideriamo proporvi un’ottima ricetta di origine messinese per far gustare ai vostri ospiti le delicate carni del capretto.

Ingredienti per 12 persone

  • 3 kg di capretto tagliato a pezzi
  • 1,5 kg di patate
  • 1 cipolla di Tropea tritata
  • 8 cucchiai di olio extra vergine
  • 100 gr di lardo
  • 2 foglie di alloro
  • 1 spicchio d’aglio in camicia
  • 1/2 litro di vino bianco
  • 1/2 litro di brodo di carne
  • 2 ciuffi di prezzemolo sale e pepe di macinino

Preparazione del capretto

Facciamo appassire la cipolla tritata in una ampia casseruola con l’olio extra vergine. Aggiungiamo i pezzi di capretto rosolandoli bene in ogni parte insieme ad uno spicchio d’aglio e un paio di foglie di alloro. Quando la carne sarà ben rosolata bagnamola con il vino bianco e facciamolo evaporare. Insaporiamo con sale e pepe di macinino. A coltello sul tagliere prepariamo un battuto composto dal lardo e prezzemolo e un pezzettino di aglio sbucciato. Versiamo questo composto nella teglia e continuiamo la cottura mescolando in modo da far prendere sapore.

Nel frattempo avremo pelato e tagliato le patate a spicchi che andremo a condire con un filo d’olio e qualche rametto di rosmarino in una terrina. Versiamo le patate nella casseruola insieme alla carne e copriamo con un foglio di carta di alluminio cuocendo per almeno un’ora a 180°C.

Ogni tanto controlliamo la carne e bagnamola con del brodo di carne per mantenerla bella morbida. Quando sarà ben cotta andremo a servirla in tavola ben calda in modo che ogni ospite possa servirsi in modo familiare.

Curiosità

Nella tradizione siciliana ci sono molte varianti di questa ricetta che si sono tramandate. Alcuni profumano la carne con cannella e noce moscata lasciandole per 4-5 ore a marinare in frigo con vino bianco, rosmarino e olio di oliva prima di cuocerle. Altri, per conferire ancora più gusto e tipicità, grattugiano del pecorino sulla carne e la fanno gratinare al forno prima di servirla.
Con queste carni si accompagna bene con un buon vino rosso corposo.

Il capretto alla messinese
5 (100%) 1 vote

Condividi