stampa

Ecco come mantenere vivo l’appetito dei clienti e far risparmiare tempo e denaro ai ristoratori.

 Nuove aziende alimentari propongono le loro ultime novità per servire antipasti facili e veloci da preparare.

Oggi come ieri la missione è la stessa per ogni ristoratore: servire cibo delizioso per rallegrare gli ospiti e fare in modo che ritornino. Tartine, crostini, polpette di carne e verdure, spiedini di seppioline ai ferri e baccalà mantecato sono parte della nostra storia. Nella cucina veneta i buonissimi cicchetti e antipasti raccontano la storia delle nostre osterie fin da tempi lontani.


Oggigiorno il settore accorcia le linee di cuochi, abbassando il costo del lavoro, rispondendo alle istantanee richieste di gratificazione dei clienti.
Gli chef sono sfidati nella capacità di salvare tempo e denaro senza sacrificare qualità e sapori.


Una cucina essenziale e tradizionale per molti anni, pronta a servire antipasti veloci viene oggi supportata da prodotti che aiutano ad alleggerire la pressione sul lavoro, specialmente nei casi dove ci sono dei limiti di personale e di costi.

Oggi tutto questo viene integrato dall‘offerta di molti nuovi prodotti. Bastano pochi minuti per servire un antipasto ad un cliente impaziente seduto al tavolo utilizzando snack gustosi, che sicuramente risulteranno graditi anche al cliente più esigente, lasciando al cuoco il tempo di seguire l’organizzazione della cucina.

E’ molto laborioso dover preparare, uno per uno, tutti quei piccoli bocconcini, chiamati ora “finger food”, che vanno mangiare semplicemente con le mani.


 

Avere il giusto mix tra prodotti pronti e ingredienti freschi permette alla cucina di brillare dove più importa.


Sarà comunque il tocco finale dello chef a trasformare gli antipasti, a favore della felicità della clientela, con una corretta cottura e una raffinata presentazione.

Gli chef non possono davvero permettersi di sprecare le loro energie a preparare alette di pollo, olive ascolane, salatini di pasta sfoglia o a pastellare radicchio e asparagi, perché esistono dei forti e validi partners esterni che già realizzano tutto questo: ottime e serie aziende che preparano cibi semplici e squisiti, pronti alle disposizioni dei cuochi, con l’obiettivo di soddisfare il cliente con gusto, semplicità e presentazioni degne di stima.

Allo chef rimane il delicato compito di preparare le proprie salse segrete e aggiungere tutto il suo amore per completare la composizione dei piatti.

Trasformare è un’arte che adesso può contare sul supporto di linee di prodotti già pronte ad aiutare la creatività dove qualità e trazione sono a servizio della ristorazione.

Un appetitoso cicchetto
Vota questo post

Condividi