stampa
Gli ovoli sono tra i funghi più buoni del pianeta, un vero dono della natura, hanno un sapore delicato e straordinario. Raccolti da giovani il luminoso cappello arancione emerge dal sarcofago bianco e sembrano come delle uova che si schiudono. 

Il fungo dei re 

Amanita Caesarea il suo nome deriva da “Caesareus” ovvero dei Cesari, imperiale per la sua ottima commestibilità. Infatti la sua prelibatezza portò gli antichi romani a definirlo “cibo degli dei” e a proteggere i boschi in cui si riproduceva per preservarlo e farlo ricrescere spontaneamente.

L’ovulo buono cresce in estate e in autunno preferendo zone soleggiate e un terreno calcareo; lo si può trovare in boschi di castagno, querce e nocciolo. L’amanita caesarea cresce in zone a clima temperato, con estati calde e secche e cresce fino ad un’altitudine di 900 metri. Diffuso al sud d’Italia, diventa più raro verso il settentrione anche se conoscendo le zone giuste si può trovare. Infatti se avete la fortuna di avere qualche amico o parente appassionato conoscitore dei funghi potrete vivere una giornata per cercarli e raccoglierli; sarà una entusiasmante esperienza.

L’amanita “caesarea” viene volgarmente chiamata ovolo buono, ovulo o fungo reale. “Ovolo” deriva dalla sua forma ad uovo che la contraddistingue nella sua fase giovane.

Amanita caesarea ovolo

Amanita caesarea, ovolo o fungo dei re

Che spettacolo della natura

L’ovolo ha un cappello carnoso di color rosso arancio che sfuma fino al giallo chiaro, ampio fino anche a 20cm di diametro in alcuni esemplari. L’ovolo ha un anello con lamelle gialle fitte ed un gambo giallo chiaro carnoso appena ingrossato alla base che può arrivare fino a 10-15cm. Da giovane il gambo è pieno, mentre da adulto è cavo. Gli ovoli, come altri funghi, a volte vengono raccolti ancora rivestiti dalla volva, cioè il velo bianco che avvolge completamente il carpoforo, da giovane. Alcuni resti a placche talvolta rimangono in alcuni soggetti, sulla superficie del cappello.

Un invito a gustarli per la loro bontà

Gli ovoli sono invitanti e gustosi in varie ricette, anche se la semplicità di quelli freschi in insalata tagliati a lamelle e serviti con rucola, parmigiano e olio extravergine è superlativa.
Se vogliamo cuocerli possiamo preparare degli squisiti primi piatti: ottime le pappardelle agli ovoli, superbi gratinati al forno oppure trifolati in padella con polenta e formaggio pecorino.

Nella stagione più fresca o anche in una serata estiva in montagna possiamo scegliere una deliziosa zuppa di ovoli o anche mista composta con i porcini.

Ovuli buoni

Ovuli buoni

 

Sono arrivati anche in Iceberg!

Gli ovoli che commercializziamo in Iceberg sono funghi spontanei, raccolti in estate in collina e in montagna fino ai 900m circa di altitudine. Sono stati raccolti al giusto punto di maturazione, selezionati con cura, puliti e congelati entro poche ore dalla raccolta. Il prodotto si presenta pulito; i funghi sono sia aperti che semichiusi a seconda del momento in cui sono stati raccolti. Surgelati in azienda in uno stabilimento specializzato, in rispetto alla sicurezza alimentare prevista dal Regolamento CE N°852.

Funghi ovoli congelati iceberg

Funghi ovoli congelati iceberg

Se volete approfondire la scoperta di tutta la nostra gamma di funghi consultate il seguente link: http://www.icebergitalia.it/it/prodotti/verdure/funghi

Ovoli detti imperiali o funghi dei re: dai romani ad oggi
5 (100%) 1 vote

Condividi